mercoledì 6 maggio 2009

Contrails forecasting - Aggiornamento persistenza

Disponibile una nuova versione del software per il calcolo numerico della temperatura critica di formazione delle contrails con implementazione del calcolo del mixing ratio, umidità relativa su ghiaccio e temperatura massima di persistenza (Tmax for persistence nel diagramma di Appleman).

La previsione di persistenza è determinata per valori di umidità relativa su ghiaccio maggiori o uguali al 100% e risulta attendibile solo se i dati forniti in input (in particolar modo l'umidità relativa) sono esenti da errori di misurazione. In tal senso va ricordato che le sonde forniscono quotidianamente i vari parametri atmosferici a quote differenti sottostimando in maniera rilevante il valore dell'umidità relativa con la conseguenza che la percentuale di umidità relativa su ghiaccio calcolata risulta essere inferiore al valore reale presente nell'atmosfera.



6 commenti:

markogts ha detto...

Ciao!

Puoi ripetere più piano per favore? Cosa significa... ah, adesso capisco, "x"="per", stavo già pensando a una x come f(x)=antani :-P

Però non capisco l'80% relativo all'errore di misurazione. Da un lato è consistente con le mie osservazioni (assolutamente caserecce), ma dall'altro si distaccano un po' da quel 10% stimato per l'errore degli igrometri montati sulle sonde. NB, si parlava di 10% della lettura, non 10% di u.r.... Mo' mi leggo meglio quella pagina che linki, l'avevo vista giusto ieri.

markogts ha detto...

Relative humidity values above 80%-

Bene, qua casca l'asino. 80% de chè? Se è l'80% di RHi, stiamo parlando di 50% circa di RH (che è quello che misurano le sonde). E direi che siamo pure troppo abbondanti. Cioé, si toglie ogni dubbio ad esempio a Massimo che qualche volta ha notato che l'RH (non-i) era sul 55-60% ed avevamo scie persistenti. Viceversa, se fosse 80% RH (non-i) (non penso, visto che in tutto l'articolo parla di RHi) allora sarebbero condizioni ancora più stringenti e difficili da far quadrare con la realtà.

Posto che sia valida la prima ipotesi, resta da chidersi quale sia la giustificazione teorica di questo 80%.

captcha: existed

Nico ha detto...

disinformatori, avrete ciò che meritate :P

http://tinyurl.com/c37qa5

MarcoVi ha detto...

@Marko

I tuoi commenti mi hanno messo alcuni dubbi e sono andato a fare un pò di ricerche x verificare.

Il modello previsionale RUC presente nel link NASA considera solo valori di umidità relativa su ghiaccio (qui,qui) e si basa su misurazioni effettuate sia da sonde atmosferiche che da satellite.

Mi sembra quindi azzardato considerare la soglia dell'80% anche per i dati riportati nei singoli sondaggi che sono legati solo parzialmente al modello RUC.Per questo motivo ho modificato opportunamente post e sw.

Le ricerche proseguono... :P

Un saluto,
Marco.

MarcoVi ha detto...

@nico

quando leggo nicsnics mi viene in mente il post de "Ma va in mona, va.."

:PPPPPPP

AMD ha detto...

Caro Marco, oggi qui da me è stata una giornata memorabile....
....memorabile in che senso??
..nel senso che c'è stato un cielo sereno e limpido che quasi non ricordo l'ultima volta che l'ho visto così(solo adesso è arrivata qualche nuvola), non si è vista una scia che sia una e, soprattutto, non si è sentito un solo rombo di motore a reazione, neanche in lontananza(sono stato appositamente tutto il tempo con la finestra aperta)...
...che dire? cosa supporre? un megasciopero dei piloti??...una macumba di straker???
Chi vivrà vedrà...:-))